• Sanda
  • Sanda
  • Sanda
  • Sanda
  • Sanda
  • Sanda
  • Sanda
  • Sanda
  • Sanda

E’ uno sport da combattimento con origini antichissime, che fonde le tecniche di Shaolin interne ed esterne. Si può considerare l’evoluzione sportiva del kung fu. Nel Sanda sono previsti pugni, calci e proiezioni, queste ultime sono il tratto distintivo della boxe cinese assente in tutte le altre discipline da contatto che non prevedono il combattimento a terra. Sono escuse gomitate, ginocchiate, leve articolari, strangolamenti e appunto, combattimento a terra. Per proiezione si intende sbilanciare e portare al tappeto, sfruttando il peso e la forza dell’avversario: principio fondamentale per ogni marzialista. Il Sanda è uno sistema di combattimento libero, completo, che prevede l’uso di protezioni, (guantoni, paratibie, corpetto, caschetto ecc…) sia per il full conctact che per il light sanda.
Questo insieme di regole rende il sanda molto spettacolare ed efficace sia per l’attacco che per la fase di difesa, sviluppando nell’atleta agilità, flessibilità, equilibrio, riflessi, convinzione, consapevolezza, valore sportivo e rispetto dell’avversario. La disciplina del Sanda si presta anche con efficacia ai principi di autodifesa grazie alla completezza di tecniche e alla capacità di decidere con fermezza cosa fare e quando.
Lo Shaolinquanfa Bologna allena le tecniche base del sanda attraverso esercizi mirati per principianti che si vogliono mettere in gioco nel combattimento e sviluppa allenamenti specifici di tattica e preparazione fisica per avanzati per eventuali competizioni sportive.
Un buon praticante di kung fu shaolin cerca di fare tesoro dell’ esperienza del combattimento come sfida interiore cercando di elevare le proprie capacità mentali e le proprie virtù a prescidere dal risultato sportivo finale.